Crea sito
Loading

Loading...

La pagina è in caricamento


IL METODO DELLA PARTITA DOPPIA





Inventore della partita doppia: il signor Pacioli Luca

Quando si vogliono esprimere in un sistema contabile le quantità espresse in moneta di conto, riguardanti le operazioni aziendali, si devono indicare l'intestazione ( codice e denominazione) e la sezione ( Dare o Avere) dei conti in cui devono essere iscritte.

Il metodo della partita doppia (P.D.) stabilisce le regole di registrazione delle quantità(valori) in un insieme coordinato di conti; dette regole impongono che ogni quantità sia:

  • annotata due volte contemporaneamente;
  • in diversi conti;
  • in opposte sezioni;
  • senza quantità negative.


Con il metodo della Partita Doppia occorre registrare ogni quantità due volte, contemporaneamente, in diversi conti e in sezioni opposte in modo che si attui sempre l'uguaglianza tra addebitamenti e accreditamenti. eventuali quantità  negative si trasformano in positive cambiando la sezione del conto in cui si iscrivono

Il nome "partita" era usato in passato per indicare una scrittura effettuata in un conto.

Nella partita doppia le scritture sono almeno due: una in Dare di un conto e una, dello stesso importo, in Avere di un altro conto.

Spesso però si possono riscontrare più scritture in dare e più scritture in Avere; ciò che è indispensabile è che il totale delle registrazioni in Dare sia uguale al totale delle registrazioni in Avere.

Quando si applica il metodo della partita doppia i conti assumono sempre la forma a due sezioni, costituite dalla sezione Dare a sinistra e dalla sezione Avere a destra.

 

vedi le principali regole

vedi gli srtumenti

vedi il bilancio