Crea sito
Loading

Loading...

La pagina è in caricamento


IL CONTO ECONOMICO





Il Conto economico è il prospetto che evidenzia la composizione qualitativa e la consistenza quantitativa del risultato economico conseguito dall'impresa al termine dell'esercizio.

Il risultato economico viene rappresentato attraverso le voci che lo costituiscono: ricavi di esercizio, costi di esercizio.

Il risultato economico si ottiene dalla differenza tra tutti i ricavi conseguiti dall'azienda nell'esercizio (revenues) e la somma di tutti i costi (expenses) da essa sostenuti. Se tale differenza è positiva l'azienda ha conseguito un utile (profit) e, se, invece, è negativa la stessa ha maturato una perdita (loss).


L'articolo 2425 del Codice Civile disciplina il contenuto del conto economico che deve essere redatto in conformità ad uno schema predefinito.  Conto economico è il prospetto che evidenzia la composizione qualitativa e la consistenza quantitativa del reddito conseguito dall'impresa al termine dell'esercizio. Il reddito viene rappresentato attraverso le voci che lo costituiscono: ricavi di esercizio, costi di esercizio.

Per determinare il “risultato d’esercizio” è necessario considerare costi e ricavi che riguardano o attengono solamente a quell’esercizio :

  • un RICAVO è di competenza di un esercizio sein quell’esercizio avviene l’effettiva alienazione (documentata) del bene da parte dell’impresa, ossia la consegna del prodotto o l’erogazione di un servizio.

  • un COSTO è di competenza di un esercizio se riguarda risorse utilizzate per produrre i beni che hanno generato i ricavi di competenza dell’esercizio; in genere, comprendono:
    • i costi delle risorse utilizzate specificamente per produrre i beni (costi diretti: materie prime, ammortamenti di macchinari, personale di produzione)
    • i costi non associati direttamente alla produzione ma necessari per il funzionamento dell’azienda (costi generali o indiretti o aziendali: costi generali ed amministrativi, ricerca e sviluppo, canoni di locazione, consulenze, servizi)
    • perdite associate a risorse il cui valore si è “vanificato” nell’esercizio (non a causa del loro utilizzo; es. perdite su crediti)

Ecco un esempio di stato patrimoniale secondo l'articolo 2425